venerdì 20 marzo 2015

Torta di pinoli – Törta de pignêu: storia, ricetta, abbinamento

Pigato passito
I pinoli, ormai così costosi che i supermercati li collocano presso le casse per scongiurare i furti. Eppure precisi protagonisti della cucina ligure (pesto, salsa di pinoli, tomaxelle...), magari gli inarrivabili pisani, ma anche i meno costosi pinoli "italiani", purché sia certa e tricolore - e non asiatica - la loro provenienza. Freschi o secchi sono una deliziosa compagnia dall'aperitivo al dessert. Su Ligucibario - cliccando qui - ti accenno alla "pinolata" della val d'Aveto, ma se con la pastafrolla ami l'aggiunta di crema pasticcera, e crei così una "torta della nonna", eccoti la ricetta su Liguricettario, cliccando qui. E' una torta semplice, ma "ricca", che chiede preferibilmente un vendemmia tardiva più che un moscato. Quello che vedi nella foto è il bel Pigato passito de "La casetta di Ranzo", i miei cari saluti a Lorena e Guido e al loro borgo fatato. Fammi sapere il tuo punto di vista su info[at]ligucibario.com

Nessun commento:

Posta un commento