venerdì 6 marzo 2015

Torta Pasqualina – Pasqualinn-a: storia, ricetta, abbinamento

Torte di verdura, farinate, polpettoni...
Ti avvicini con deferenza a queste belle tradizioni, perpetuate (chissà perché) più da sciamadde e fainotti che da ristoranti. Le uova, la torta pasqualina, la cima, la colomba (qui più recente), i cantauova che percorrevano le vie dei paesi..., sono la Pasqua a Genova e in Liguria, festa assai sentita, ancora un mesetto e ci siamo. Le versioni, e le terminologie, non sempre concordano, io dico che certamente quella "originaria" non poté essere di carciofi, data la stagionalità... A Toirano ne fanno una più alta, e la difendono con orgoglio. Ti fornisco un po' di queste notizie su Ligucibario, cliccando qui. Quanto alla ricetta, la mia è su Liguricettario, cliccando qui. Oso addirittura una dozzina di sfoglie sottilissime (ma può bastartene la metà) e mi concedo, per una volta, e lo giuro una volta sola, 2 bicchierini di panna liquida: non si adontino i puristi… So bene che la panna non pertiene alla versione tradizionale, però può giovare grandemente al risultato finale, specialmente qualora non si apprezzi l'acidulo della prescinseua. Veditela comunque tu, lettore-chef! L'abbinamento enologico chiede un Vermentino o un Pigato, più aromatico se la farcia è un trionfo primaverile di preboggion, quello che esalta i pansoti del Golfo Paradiso. Fammi sapere il tuo punto di vista su info[at]ligucibario.com 

Nessun commento:

Posta un commento